Il Sindaco è l'organo responsabile dell'Amministrazione del Comune ed è il rappresentante dell'Ente; infatti la sua elezione, che avviene in maniera diretta e viene conseguita con la maggioranza dei consensi, esprime la scelta della comunità e vede a lui attribuita direttamente dai cittadini la responsabilità dell'Amministrazione e, contestualmente, il riconoscimento di tutti i poteri conseguenti in forza dei quali egli è titolare della funzione di governo. In tal senso esprime la Giunta Comunale e la presiede, così come presiede il Consiglio Comunale laddove non sia prevista la figura del Presidente del Consiglio Comunale. Egli, nella seduta di insediamento, presta giuramento davanti al Consiglio Comunale di osservare lealmente la Costituzione italiana.
Presenta altresì al Consiglio Comunale le linee programmatiche relative alle azioni ed ai progetti che intende realizzare nel corso del suo mandato. Il Consiglio, in tale occasione, non si esprime sulle scelte fatte dal Sindaco per la composizione della Giunta, ma deve ascoltare le linee programmatiche illustrate ed in tal senso valutare gli obiettivi che si prefigge di raggiungere assieme alla Giunta medesima, così come da lui espressa.
Il Sindaco dura in carica cinque anni per un massimo di due mandati consecutivi. Al termine del secondo mandato consecutivo non è più rieleggibile. È tuttavia consentito un terzo mandato consecutivo se uno dei due mandati precedenti ha avuto durata inferiore a due anni, sei mesi e un giorno per causa diversa dalle dimissioni volontarie.

Compiti del Sindaco sono:

  • rappresentare l'Ente e convocare Giunta;
  • sovrintendere al funzionamento dei servizi e degli uffici;
  • esercitare le funzioni a lui attribuite dalle leggi, dai regolamenti e dallo statuto e sovrintendere alle funzioni statali e regionali attribuite o delegate al Comune;
  • esercitare le funzioni attribuitegli quale autorità locale nelle materie previste da specifiche disposizioni di legge;
  • adottare le ordinanze contingibili ed urgenti in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale;
  • organizzare e coordinare gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi, e dei servizi pubblici, nonché d'intesa con i responsabili territorialmente competenti delle amministrazioni interessate, gli orari degli uffici pubblici localizzati nel territorio;
  • provvedere - sulla scorta degli indirizzi forniti dal Consiglio - alla nomina, alla designazione ed alla revoca dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende ed istituzioni;
  • nominare i responsabili degli uffici e dei servizi.


Il Presidente del Consiglio
rappresenta il Consiglio Comunale ed ha il compito primario di tutelare i diritti e le prerogative dei Consiglieri, garantendo l'esercizio effettivo delle loro funzioni e curando l'osservanza e la corretta interpretazione del Regolamento.
Il Presidente assicura il buon andamento dei lavori del Consiglio Comunale facendo osservare il Regolamento.
Il Presidente convoca e presiede il Consiglio Comunale, decide sulla ricevibilità dei testi presentati per l'esame del Consiglio ed esercita tutte le attribuzioni a lui affidate dalle leggi della Repubblica , dallo Statuto e dal Regolamento del Consiglio Comunale

Il Consiglio comunale è l'assemblea pubblica rappresentativa dei cittadini di un Comune, che lo nominano direttamente eleggendone il Sindaco e i consiglieri.
Il Consiglio ha funzioni di programmazione, indirizzo e controllo politico-amministrativo. Le sue materie di competenza sono definite dalla legge, e tra le principali vi sono lo statuto dell'ente, il bilancio, il conto consuntivo, il piano urbanistico comunale, il piano delle opere pubbliche e le convenzioni tra gli enti locali.
Le sedute possono essere ordinarie, nelle quali sono iscritte le proposte di deliberazioni relative all'approvazione delle linee programmatiche di governo, del bilancio di previsione annuale e pluriennale e del rendiconto di gestione, o straordinarie. Le sedute sono di regola pubbliche, e il voto palese: possono essere segrete e il voto segreto quando gli argomenti trattati possono ledere la riservatezza delle persone.
I singoli Consiglieri hanno diritto di iniziativa su ogni questione sottoposta alla deliberazione del Consiglio e possono inoltre presentare interrogazioni, interpellanze, ordini del giorno e mozioni inerenti materie di competenza dell'organo consiliare. Il Consiglio si riunisce presso la sala consiliare: le sedute sono pubbliche e vi possono assistere tutti i cittadini.


La Giunta Comunale è uno degli organi di governo del comune, ed è composta dal sindaco, che la presiede, e da nove assessori che includono il vicesindaco. La Giunta collabora con il Sindaco nel governo del comune operando attraverso deliberazioni collegiali e nell'attuazione degli indirizzi generali e politico-amministrativi del Consiglio; compie tutti gli atti rientranti nelle funzioni degli organi di governo che non siano riservati al Consiglio comunale e che non ricadano nelle competenze del sindaco o degli organi di decentramento; collabora con il sindaco nell'attuazione degli indirizzi generali del Consiglio comunale. A quest’ultimo la Giunta riferisce annualmente sulla propria attività, e nei suoi confronti svolge attività propositive e di impulso. Ciascun assessore riceve diverse deleghe relative a settori specifici dell'azione amministrativa comunale. Il sindaco ha inoltre la possibilità di conferire a membri del consiglio comunale (i cosiddetti consiglieri delegati) incarichi di collaborazione in ambiti specifici.

Il Segretario comunale svolge compiti di collaborazione e funzioni  di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell'ente in ordine alla conformità dell'azione amministrativa alle leggi, allo statuto e ai regolamenti. Egli è, di norma, Responsabile della prevenzione della  corruzione e della trasparenza.
Il Segretario sovrintende allo svolgimento delle funzioni dei dirigenti dell’ ente e ne coordina l'attività.
Inoltre:
· partecipa con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni del consiglio e della giunta e ne  cura la verbalizzazione;
· esprime il parere previsto in relazione agli atti della giunta e del consiglio dell’ ente in assenza dei  responsabili dei servizi;
· roga, su richiesta dell’ente, i contratti nei quali l’ente è parte e autentica scritture private ed atti  unilaterali nell'interesse dell'ente;
· esercita ogni altra funzione attribuitagli dallo statuto o dai regolamenti, o conferitagli dal sindaco o dal  presidente della provincia;
· esercita le funzioni di direttore generale, ove conferite dal Sindaco, nei comuni con popolazione  superiore ai 100.000 abitanti.

Date di modifica e pubblicazione

  • Ultima modifica : 27/11/2021
  • Prima pubblicazione : 25/03/2020
torna all'inizio del contenuto