Con decreto del Presidente della Repubblica del 17/07/2020 è indetto il referendum popolare confermativo relativo all'approvazione del testo della legge costituzionale recante «modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari», approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 240 del 12 ottobre 2019.

Il quesito del Referendum Costituzionale, indetto con decreto dal Presidente della Repubblica, è il seguente:

"Approvate  il  testo  della  legge  costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari", approvato  dal  Parlamento  e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie generale - n. 240 del 12 ottobre 2019?"

Servizio di trasporto pubblico in favore di disabili per il raggiungimento del seggio elettorale

Si rende noto a norma del disposto contenuto nell’art. 19, 1° comma, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, è stato organizzato un servizio di trasporto locale, volto a facilitare il raggiungimento dei seggi elettorali, da parte degli elettori disabili, nel giorno della votazione.

A tale scopo gli interessati dovranno contattare l’ufficio elettorale ai numeri 02/95241450-58-53-59 per la prenotazione del Servizio entro il 19 settembre

Il Trasporto sarà effettuato rispettando i protocolli anticovid in vigore:

  • l’utente dovrà farsi trovare in strada presso la sua abitazione
  • il trasporto avverrà di un solo utente con accompagnatore per volta
  • l’utente dovrà indossare la mascherina chirurgica e prima di salire sul mezzo verrà rilevata la temperatura: se questa darà un valore superiore a 37,5° l’utente non verrà trasportato.

Esercizio domiciliare del diritto di voto da parte degli elettori sottoposti a trattamento domiciliare o in condizioni di quarantena o isolamento fiduciario per Covid-19

Si rende noto che gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare e quelli che si trovino in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid-19 sono ammessi ad esprimere il voto presso il proprio domicilio nel comune di residenza.
A tal fine, tra il 10 e il 15 settembre l’elettore deve far pervenire al comune nelle cui liste è iscritto, i seguenti documenti:

  • una dichiarazione in cui si attesta la volontà dell’elettore di esprimere il voto presso il proprio domicilio indicando con precisione l’indirizzo completo del domicilio stesso;
  • un certificato, rilasciato dal funzionario medico designato dai competenti organi dell’azienda sanitaria locale, in data non anteriore al 6 settembre (14° giorno antecedente la data della votazione), che attesti l’esistenza delle condizioni di cui all’articolo 3, comma 1, del decreto-legge (trattamento domiciliare o condizioni di quarantena o isolamento fiduciario per Covid-19).

L’ufficio elettorale comunale è a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Apertura ufficio elettorale

Si informa che al fine di agevolare il rilascio delle tessere elettorali non consegnate o dei duplicati, l’ufficio elettorale comunale rimarrà aperto:

  • venerdì 18 e sabato 19 settembre 2020 dalle ore 9.00 alle ore 18.00
  • domenica 20 settembre 2020 dalle ore 7.00 alle ore 23.00
  • lunedì 21 settembre 2020 dalle ore 7.00 alle ore 15.00

Si invita gli elettori

  • a verificare per tempo che siano in possesso della tessera elettorale personale e che sulla stessa non siano esauriti gli spazi ivi presenti (destinati all’apposizione del bollo della sezione per la certificazione del voto);
  • a presentare immediatamente eventuali richieste di rilascio del duplicato o di rinnovo della tessera  tramite e-mail all’indirizzo elettorale@comune.cavenagobrianza.mb.it evitando di concentrare tali richieste nel giorno della votazione;
  • a recarsi a votare fin dalla prima mattina di domenica o di lunedì e comunque ad evitare, per quanto possibile, le fasce orarie immediatamente antecedenti la chiusura della votazione, al fine di scongiurare pericoli di sovraffollamento, disguidi o ritardi nelle operazioni dei seggi.

Elettori temporaneamente all'estero

L’art. 4-bis, comma 2, della legge n. 459/01, modificato da ultimo dall'articolo 6, comma 2, lett. a), della legge 3 novembre 2017, n. 165, prevede che l’opzione di voto per corrispondenza degli elettori temporaneamente all'estero pervenga direttamente al comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro il trentaduesimo giorno antecedente la data di votazione e, quindi, entro il 19 agosto p. v., in tempo utile per l’immediata comunicazione al Ministero dell’interno. L’opzione dovrà pervenire al comune per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata, oppure potrà essere recapitata a mano anche da persona diversa dall'interessato.

Elettori italiani residenti all'estero

Per il referendum in oggetto, gli elettori italiani residenti all'estero, ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del relativo regolamento di attuazione approvato con D.P.R. 2 aprile 2003, n. 104, votano per corrispondenza. La predetta normativa, nel prevedere la modalità di voto per corrispondenza da parte di tali elettori, i cui nominativi vengono inseriti d’ufficio nell'elenco degli elettori residenti all'estero, fa comunque salva la possibilità di votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione, da esercitare in occasione di ogni consultazione popolare e valida limitatamente ad essa.

Il diritto di optare per il voto in Italia, ai sensi degli artt. 1, comma 3, e 4 della legge n. 459/2001 nonché dell’art. 4 del D.P.R. n. 104/2003, deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all'indizione del referendum (intendendo riferito tale termine alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di indizione) e cioè entro il prossimo 28 luglio 2020.

L’opzione dovrà pervenire entro il termine sopraindicato all'Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell’elettore, utilizzando il modulo allegato e reperibile anche presso i siti delle autorità consolari.

torna all'inizio del contenuto